Autore: Prof. Alberto Ritieni

La pianta può vantare preziose proprietà curative, dimostrandosi un efficace diuretico, detossinante e antireumatico naturale 

Nelle sue varie forme, dalle bacche fino all’olio essenziale, il Ginepro è da considerare un rimedio naturale detossinante, utile al trattamento di numerosi disturbi.

Classificata con il nome celtico di “Juniperus”, il termine deriva dal suo sapore definito molto acre, questa incredibile pianta appartiene alla famiglia delle Cupressacee e rientra a pieno titolo nel panorama arboricolo della zona mediterranea. Il Ginepro è un arbusto spontaneo, talvolta molto basso e quindi comodo per la raccolta delle sue bacche che sono fonte di numerosi principi attivi. È una pianta molto resistente con poche necessità per la sua sopravvivenza e si adatta molto bene a terreni montagnosi, spesso poveri di acqua.

Il Ginepro nella storia

Storicamente il Ginepro è già citato nei papiri egiziani di oltre 4.000 anni fa, dove veniva chiamato “kyphi”ed era usato come incenso. Già in tempi così lontani era utilizzato per combattere il mal di testa o per curare il mal di stomaco. Come spesso è accaduto nella storia della Medicina, sono gli Arabi a riscoprirlo nel X secolo e lo ritroviamo molto diffuso nei monasteri dell’epoca per preparare liquori ottenuti per estrazione idroalcolica. È sorprendente scoprire che a partire dalle bacche di Ginepro si produce il famoso distillato noto come gin che inizialmente aveva una funzione terapeutica ma poi, a causa del fatto che induceva facilmente uno stato di ubriachezza, fu proibito in Germania. Questa limitazione fu superata aggiungendo al gin anche lavanda, anice, genziana e altri ingredienti per creare il Ginepro terapeutico più noto come “acqua contro la peste”.

Dalle bacche...

Le bacche di Ginepro sono molto versatili e possono essere utilizzate sotto forma di olio essenziale o di tintura madre, oppure come tisana o anche come polvere per ottenere i diversi vantaggi che offrono a chi ne fa uso in maniera corretta e controllata. La tabella nutrizionale dei principali macronutrienti delle bacche di Ginepro vede la presenza di circa l’80% di carboidrati (di cui 30 g sono degli zuccheri semplici) e sono presenti solo 0,5 g di proteine e 0,5 g di grassi, oltre ad avere un basso contenuto di sodio. Le bacche di Ginepro forniscono circa 328 calorie per 100 grammi di prodotto.

... l’olio essenziale

Come detto, dalle bacche di Ginepro si ricava l’olio essenziale utilizzato per una varietà di problematiche, grazie alla presenza di molecole di natura terpenica che comprendono dei monoterpeni molto importanti quali alfa-pinene (35,4%), mircene (15,3%), sabinene (7,6%), limonene (7,3%) ed altri. Nell’olio essenziale di Ginepro sono inoltre presenti dei terpenoidi ossigenati: in buone concentrazioni troviamo il terpinen-4-olo, l’alfa e il gamma-terpinene. Le bacche di Ginepro sono anche fonti di proantocianidine, flavonoidi e tannini.


Pagina precedente 1/3 Pagina successiva »

Altro in questa categoria: « Brugo, una pianta anti-aging