Eventi

Per chi desidera approfondire i vari argomenti legati al mondo della salute e della prevenzione, ecco una selezione dei prossimi appuntamenti:

Anche per il 2019 Commissione Difesa Vista Onlus è partner di Race for the Cure, l’importante manifestazione di sensibilizzazione alla prevenzione che prevede, nell’arco dell’anno, 5 appuntamenti in 5 città italiane (Roma, Bari, Bologna, Brescia, Matera). Organizzata dalla Susan G. Komen Italia, un’organizzazione senza scopo di lucro basata sul volontariato, che opera nella lotta ai tumori del seno su tutto il territorio nazionale, la Race for the Cure parte da Roma con la 20^ edizione e arriva a Matera, dal 27 al 29 settembre 2019, in una tre giorni esclusivamente dedicata alla salute attraverso un’ampia proposta di attività, tra sport, benessere e solidarietà. CDV Onlus sostiene il progetto con la sua presenza con uno stand dedicato, proponendo screening gratuiti della vista effettuati da medici oculisti e ottici volontari. La scelta di CDV Onlus è di promuovere campagne di sensibilizzazione, anche in sinergia con altre realtà, per contrastare l’assenza d’informazione sulle buone pratiche di prevenzione; le manifestazioni di Race for the Cure consentono di portare il messaggio a un pubblico ampio sensibile ai temi della salute e della prevenzione.

Per approfondire www.komen.it e http://www.c-d-v.it/ 

Rosa Per La Vita ONLUS offre a tutte le donne colpite dal cancro e ai propri familiari un centro di ascolto dove ottenere aiuto psicologico ed emotivo, consulenza sulla medicina integrata in oncologia e sulle varie tecniche olistiche per la presa di consapevolezza di sé e della cura, al fine di garantire al paziente oncologico e ai propri familiari una buona qualità di vita durante e nella fase di follow-up della malattia.
L’obiettivo dell'iniziativa è quello di diffondere una nuova cultura di cura del cancro, offrendo a tutte le donne colpite da neoplasia la possibilità di approcciarsi in maniera diversa alla malattia attraverso un’attenzione olistica, che significa prendere in considerazione la donna nel suo Essere di Anima-Mente-Corpo. 
Attualmente è attivo sul territorio della Lombardia, con la speranza che diventi presto una realtà in tutto il resto d'Italia, il servizio di Counseling Oncologico Domiciliare che permette di svolgere colloqui di counseling domiciliare per donne affette da neoplasia con l’obiettivo, attraverso l’ascolto empatico e la partecipazione attiva della donna, di fornire tutti gli spunti possibili affinché il “cancro” possa diventare un grande momento di opportunità e cambiamento nonché di sostenere tutte le donne nei momenti di maggiore difficoltà.

Per ulteriori informazioni su Rosa per la visita il nostro sito: www.rosaperlavita.org 

  

Il 2019 sarà l’anno per imparare ad ascoltare il cuore grazie a ChYP, acronimo di Check Your Pulse, la nuova campagna lanciata da ALT (Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie cardiovascolari - Onlus) che insegnerà a bambini e adulti a sentire con due dita sul polso il battito del cuore, del proprio e di quello delle persone cui si vuol bene. Riconoscere un ritmo del cuore regolare o irregolare può salvare la vita a chi soffre di Fibrillazione atriale e non lo sa, perché spesso è silenziosa: se non viene riconosciuta e curata la Fibrillazione atriale provoca la formazione di trombi nel cuore, che si frammentano, diventano emboli e arrivano al cervello provocando un Ictus cerebrale, evento molto drammatico, che può lasciare invalidità gravi o togliere la vita.
Il progetto è innovativo nella sua semplicità, perché si rivolge agli adulti coinvolgendo i bambini, insegnando un gesto per riconoscere se il cuore batte in modo appropriato o disordinato.
Check Your Pulse nasce grazie al contributo di Fondazione Cariplo e di un benefattore che ha permesso ad ALT di istituire il Fondo Marsigliesi. Gode del patrocinio di Pubblicità Progresso e si avvale della partnership dei giovani percussionisti della Fondazione Orchestra Sinfonica e Coro Sinfonico di Milano Giuseppe Verdi e della collaborazione di Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia (Sede Lombardia). Una grande squadra che ha permesso anche di realizzare uno spot dedicato a radio e tv che insegna a riconoscere la Fibrillazione atriale.

Per informazioni: https://vogliadisalute.it/2019-un-anno-per-ascoltare-il-cuore/ 

Consulti Medici “live” direttamente su smartphone e tablet, tele-monitoraggio dei parametri vitali 24 ore su 24. Si chiama DOC 24 ed è un’applicazione grazie alla quale il Paziente con Mieloma multiplo può misurare i propri parametri vitali e mandarli istantaneamente al Medico curante. Se i parametri eccedono i valori stabiliti, una centrale operativa si attiva in pochi secondi contattando il Paziente e fornendo l’assistenza adeguata. Inoltre, con l’adesione al servizio il Paziente riceve un misuratore di pressione che permette un tele-monitoraggio, via bluetooth, di pressione arteriosa e battito cardiaco.
Sono circa 30.000 in Italia i Pazienti con Mieloma multiplo, tumore del sangue che colpisce principalmente persone con più di 65 anni che spesso hanno comorbilità, tra le quali pressione alta e Diabete. Date le caratteristiche della malattia, che presenta tra i sintomi più frequenti dolori e fratture ossee, la problematica di natura motoria rende, a volte, difficile recarsi costantemente dal Medico per monitorare i parametri. Grazie a DOC 24, Paziente e Medico possono comunicare a distanza più volte nel corso della giornata. Questa innovativa soluzione, sviluppata da FD W.O.R.L.D Care, è per la prima volta messa a disposizione dei Pazienti con Mieloma multiplo grazie alla partnership con Amgen.

Per informazioni: www.doc24.it 

Tornano a respirare a pieni polmoni in alta quota, lontani dalle sostanze allergizzanti o irritanti – acari, pollini, inquinamento – controllando i sintomi dell’asma e imparando a gestire la malattia grazie ad un apposito programma studiato per loro da un team di specialisti. Sono i 25 giovani pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, tutti affetti da asma allergico grave, che dal 29 giugno al 14 luglio partecipano al progetto “Respirare secondo natura".
L’iniziativa è sostenuta dalla Fondazione Bambino Gesù Onlus grazie alla convenzione triennale stipulata con l'Istituto Pio XII di Misurina, in Veneto, centro di eccellenza per la diagnosi, la cura e la riabilitazione in alta quota dei disturbi del respiro in età pediatrica. Un ambiente, a 1.756 metri di altitudine, ai piedi delle Dolomiti di Cadore, libero dagli inquinanti e dagli allergeni che innescano l’infiammazione delle vie aree in chi soffre di asma. In Italia la malattia colpisce il 10% dei bambini e di questi, circa il 5% è affetto da asma ‘difficile' o ‘grave' persistente, le forme più resistenti alle normali terapie.
Per il campus di Misurina di quest’anno sono stati selezionati 25 bambini e ragazzi, dai 7 ai 18 anni, seguiti al Bambino Gesù, nel reparto di Broncopneumologia diretto dal dott. Renato Cutrera. Sono affetti da asma ‘difficile’, la forma che beneficia maggiormente di un programma educazionale appositamente svolto e delle particolari condizioni ambientali dell’alta quota: l’aria più rarefatta, con minore densità facilità il respiro; la quasi totale assenza di inquinanti e di allergeni abbatte il rischio di risposta infiammatoria (tosse, affanno, difficoltà respiratorie). 
Durante il soggiorno, insieme ai famigliari, il gruppo partecipa a un programma che spiega come comprendere e gestire la malattia anche attraverso una corretta somministrazione delle terapie e l’abitudine all’attività fisica. Il programma è studiato da un’équipe interdisciplinare di specialisti (medici, psicologi, fisioterapisti, infermieri). L’obiettivo è tenere l’asma sotto controllo e, più in generale, migliorare la qualità della vita dei ragazzi, anche una volta rientrati in città. I risultati emersi verranno confrontati con quelli registrati 6 mesi prima e 6 mesi dopo la permanenza in alta quota.

Per approfondire: www.ospedalebambinogesu.it