Allergia alle arachidi, quali accorgimenti?

Autore: Dott.ssa Maddalena Parma

Seguire corrette indicazioni alimentari rappresenta il giusto approccio terapeutico e di prevenzione a questo frequente disturbo 

L’Allergia alle arachidi è una reazione molto comune che può colpire sia gli adulti che i bambini, essendo l’arachide fra i pochi alimenti che inducono Allergia fin dai primi anni di vita; è possibile, infatti, che si manifesti nei piccoli anche di età inferiore ai 3 anni e, contrariamente ad altre Allergie alimentari esordite in età infantile, tende a persistere per tutta la vita. Il bambino allergico alle arachidi (se soffre di Dermatite atopica ha maggiore probabilità di sensibilizzarsi), a differenza di quanto succede con altri alimenti, non riesce ad acquisire col tempo la giusta tolleranza verso questo frutto. Questo tipo di Allergia, quindi, rappresenta un grosso problema allergologico, potendo provocare sintomi molto gravi anche per l’ingestione di piccole quantità. Certamente i paesi più colpiti sono gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, consumatori per eccellenza, ma anche in Italia è possibile e per niente raro riscontrare Pazienti allergici alle arachidi.

Un allergene molto potente...

Per la frequenza nel provocare Allergia, l’arachide è stata inserita nel gruppo degli allergeni cosiddetti “big eigth”, comprendenti anche latte, grano, uova, soia, crostacei, pesce e noci, così denominati proprio perché sono i cibi che più di frequente causano reazioni allergiche.
L’arachide, in particolare, è da considerare un allergene potente e pericoloso anche perché, a differenza di altri alimenti, quando subisce il processo di tostatura ad alta temperatura, non riduce la propria allergenicità, come avviene di solito ma, al contrario, la esalta rendendola resistente e, quindi, inattivabile anche dalla digestione.
Altri metodi di cottura come la bollitura e la frittura, invece, quest’ultima molto praticata in Cina, non provocano tali effetti collaterali, motivo per cui in questo paese l’Allergia risulta meno frequente. Per quanto riguarda infine l’olio di arachidi, se prodotto correttamente, non dovrebbe contenere proteine del frutto e pertanto è un alimento che non dovrebbe provocare reazioni; è utile, comunque, adottare la massima cautela nei Pazienti allergici per la possibile contaminazione dell’olio con tracce di proteine di arachide.

... appartenente alle leguminose

Da un punto di vista botanico, le arachidi appartengono alla famiglia delle leguminose, anche se la crossreattività fra arachide e legumi, ossia la possibilità che il Paziente allergico alle arachidi reagisca anche ad altri alimenti della stessa famiglia, è in genere bassa; i Pazienti allergici, infatti, tollerano i legumi compresa la soia; l’unico legume che cross-reagisce in modo significativo con l’arachide sembra essere il lupino che può essere consumato come tale o, cosa sicuramente più pericolosa, può trovarsi come ingrediente nascosto all’interno di alcune farine come, ad esempio, quella di grano ma anche nelle pastelle per friggere.


Pagina precedente 1/2 Pagina successiva »

Altro in questa categoria: « Idratazione e benessere