Una banca biologica su Covid-19

Messa a punto presso l'Ospedale Sacco di Milano, questa nuova banca dati raccoglierà e conserverà tutti i campioni relativi al Covid-19, rappresentando, per gli Scienziati, un’opportunità di studio concreta in funzione dello sviluppo di possibili strategie diagnostiche e terapeutiche. Il progetto, portato avanti dall’Università degli Studi di Milano e dall’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Fatebenefratelli Sacco di Milano, grazie ad una donazione di Banco BPM, permetterà di potenziare ulteriormente la ricerca su questo virus complesso. La Banca biologica, realizzata da due strutture particolarmente coinvolte nello studio, nella cura e nel contenimento del contagio, sarà gestita dai docenti e dai ricercatori dell’Università milanese e, all’interno di un grande spazio dedicato, vedrà la realizzazione di locali specializzati per l’accettazione dei campioni, il progressivo contenenimento di più di 18 contenitori criogenici (Biobanca), la conservazione dei materiali (locale congelatori) e per ospitare i relativi impianti tecnologici, oltre ad un’area tecnica dove verrà installato il serbatoio di azoto necessario alle attività quotidiane. Tra le tante iniziative partite per fronteggiare l’emergenza sanitaria del nostro paese, questa è di notevole importanza, poiché si basa sulla ricerca scientifica, requisito fondamentale per guardare al futuro.

Per approfondire: www.unimi.it/it