Nevralgia del trigemino, prevenire gli attacchi

Autore: Dott. Pietro Cortelli Dott.ssa Valentina Favoni Dott.ssa Giulia Pierangeli

In 9 casi su 10 è determinata dalla pressione esercitata da un vaso sanguigno sul nervo trigemino

La Nevralgia del trigemino, conosciuta anche come “tic doloroso”, è caratterizzata da attacchi improvvisi, lancinanti, simili a volte a una scossa elettrica che si avvertono su un solo lato del viso e sono dovuti a una irritazione del nervo trigemino. È un dolore facciale raro: riguarda 1 persona su 25 mila. Quasi sempre si tratta di persone con età superiore ai 50 anni e in maggior misura donne.
Tra i 12 nervi cranici, il nervo trigemino è quello deputato a portare al cervello la sensibilità proveniente della parte superiore, media e inferiore del volto e della cavità orale.
È costituito da tre rami: al ramo oftalmico afferiscono gli stimoli provenienti da occhio, sopracciglio, fronte e porzione frontale del cuoio capelluto; al ramo mascellare quelli da labbro superiore, arcata dentaria superiore, gengiva superiore, palpebra inferiore, guancia e lato del naso; al terzo ramo, quello mandibolare, afferiscono quelli da labbro inferiore, arcata dentaria inferiore, gengiva inferiore, bordo della lingua e da una stretta zona che si estende dalla mandibola al davanti dell’orecchio.
Possiamo considerare il nervo trigemino come un cavo elettrico che contiene numerose fibre che trasportano i messaggi al cervello di diverso genere: fibre per le sensibilità tattile, termica e dolorifica, ciascuna protetta da una guaina chiamata mielina. 

Quali sono i sintomi

La Nevralgia trigeminale è caratterizzata da attacchi di dolore improvvisi, a “scossa elettrica” o “a stilettata” della durata di pochi secondi che possono ripetersi in salve, localizzati ad un lato del viso con una distribuzione che rispetta quella del nervo trigemino. Più comunemente il dolore è localizzato a livello di guancia-ala del naso o al labbro inferiore-mento, solo nel 5% dei Pazienti il dolore è riferito a occhi e fronte. La parte destra del viso risulta più frequentemente colpita rispetto alla sinistra. Solo in rari casi il disturbo è bilaterale. Caratteristica tipica della Nevralgia trigeminale è rappresentata dal fatto che gli attacchi sono innescati da stimoli innocui: mangiare, parlare, fumare, lavarsi i denti, farsi la barba o addirittura una corrente d’aria.
Non di rado il dolore viene riferito con partenza da uno o più denti, con il risultato che molte persone si rivolgono inizialmente al loro Dentista e alcuni possono sottoporsi a cure dentarie non necessarie prima di ottenere una diagnosi corretta.
La Nevralgia trigeminale tende a presentarsi in cicli. I Pazienti spesso presentano lunghi periodi di attacchi frequenti fino a centinaia di volte al giorno, seguiti da settimane, mesi o anni liberi da dolore. Sfortunatamente, nella maggior parte dei soggetti la frequenza tende a peggiorare nel tempo con periodi liberi da attacchi sempre più brevi. 


Pagina precedente 1/3 Pagina successiva »