Obesità infantile, sotto accusa l’inquinamento

Autore: Dott. Agostino Di Ciaula

L’esposizione precoce ad alcuni agenti inquinanti presenti nell’ambiente può interferire con i processi metabolici e indurre Obesità nei bambini 

Secondo il sistema di sorveglianza in età pediatrica del Ministero della Salute un bambino italiano su tre ha un peso superiore a quello che dovrebbe avere per la sua età. La prevalenza di Obesità infantile nel nostro Paese è tra le più alte in Europa e resta elevata nonostante la grande attenzione rivolta alla promozione di stili di vita idonei a contenerla.
L’Obesità infantile dipende da alterazioni genetiche solo nell’1% circa dei casi. Dunque, quasi sempre dipende da cause evitabili o modificabili.

Esposizione precoce alle sostanze inquinanti

Tra queste cause, indipendentemente dal ruolo svolto da fattori socio-economici e culturali, un numero crescente di osservazioni scientifiche sottolinea l’importanza delle esposizioni precoci (durante la vita intrauterina e nei primi anni di vita) ad una serie di inquinanti presenti nell’ambiente, in grado di interferire con i processi metabolici e di indurre Obesità. L’esposizione ad alcune sostanze inquinanti è in grado di attivare meccanismi patologici (infiammazione sistemica cronica di basso grado, stress ossidativo, interferenze con il sistema immunitario e ormonale, alterazioni dei mitocondri, cioè delle “centrali energetiche” della cellula) che agiscono a vari livelli, da quello cellulare a quello sistemico, inducendo una crescita del numero e delle dimensioni delle cellule adipose e alterazione dei processi che regolano il metabolismo corporeo.

Ambiente e genoma

Oggi nasciamo e viviamo in un ambiente “obesogeno” che contribuisce in modo determinante, ormai senza alcun dubbio, all’incremento della vera e propria epidemia di Obesità che sta preoccupando da alcuni decenni molti Paesi del mondo (anche per le notevoli implicazioni economiche) e che interessa tutte le classi di età. Oltre alle rare malattie genetiche che determinano Obesità, vi sono un gran numero di genotipi predisponenti allo sviluppo di Sovrappeso e Obesità. Tuttavia anche in questo caso, ciò che determina chi realmente diventerà obeso, è l’interazione tra ambiente e genoma, che si esprime attraverso meccanismi ambiente-dipendenti capaci di modificare l’espressione genica.
L’esposizione materna ad alcuni tossici ambientali durante la gravidanza influenza le caratteristiche del metabolismo fetale attraverso meccanismi di vera e propria “programmazione” della comparsa di Sovrappeso od Obesità alcuni anni dopo la nascita.


Pagina precedente 1/2 Pagina successiva »

Altro in questa categoria: « Cellulari, quali rischi per la salute?