Autore: Arch. Marco Capellini Antonella Ciana

Utilizzare i materiali naturali nella produzione industriale, nell’architettura e nel design  può portare a grandi benefici in termini di riduzione di emissioni dannose e limitare i consumi energetici

Ecodesign e progettazione ambientalmente sostenibile, ancora poco conosciuti, trovano in MATREC la massima espressione delle loro potenzialità. MATREC è infatti la prima EcoMaterials Library dedicata ai materiali ambientalmente sostenibili e al loro impiego nel mondo della produzione industriale, dell’architettura e del design.
Nata nel 2002 da un’idea dell’Arch. Marco Capellini, che qui intervistiamo, diventa subito protagonista del design per la sostenibilità internazionale e dell’eco-innovazione partecipando ai più importanti eventi mondiali, mettendo a disposizione dei propri abbonati informazioni su materiali ambientalmente sostenibili (riciclati, naturali, bio) provenienti da tutto il mondo, suddivisi per categorie e corredati da schede descrittive. […]

Cosa dicono le prove di applicazione di questo progetto?

Quello che è emerso è che ci sono materiali utilizzati per la realizzazione di prodotti (che consumiamo e/o utilizziamo giornalmente o mensilmente) che ci impiegano anche centinaia o migliaia di anni per rigenerarsi. In altri casi invece indossiamo capi di abbigliamento per i quali la rigenerazione dei materiali può variare da pochi mesi a diversi anni. A oggi, dopo due anni dall’inizio del progetto, abbiamo indicizzato oltre 500 materiali di uso comune nel mondo industriale, tra naturali e riciclati, suddivisi per tipologia e origine. Questi indici saranno a breve associati a tutti i materiali presenti nella Eco- Materials Library di MATREC per essere a disposizione di aziende e progettisti. Abbiamo fatto un altro grande passo in avanti per rendere sempre più “eco” l’innovazione di un prodotto…

Cosa sono i materiali “naturali”?

Sono quelli per l’appunto di origine naturale e che quindi si possono rigenerare continuamente. Possono essere di origine vegetale (cotone, canapa, juta, ramiè, sisal, cocco, ginestra, ibisco ecc.), animale (lana, angora, alpaca, cachemire, cammello, mohair ecc.) o minerale e si rigenerano al termine di ogni ciclo di produzione e consumo entro determinati tassi di sfruttamento. […]


Pagina precedente 1/2 Pagina successiva »

Altro in questa categoria: « OGM, i motivi del no Città e salute »