Autore: Dott.ssa Rebecca Marzocchi

Ricca di proprietà nutritive e terapeutiche, la Zucca è anche un valido alleato nella prevenzione dei tumori

La Zucca è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee, come la zucchina, il cetriolo, il cocomero e il melone. Ne esistono diverse varietà, tra cui quella di colorazione gialla (Cucurbita maxima) e la Zucca pepona (Cucurbita moscata), che sono le più diffuse sulle nostre tavole. Originaria dell’America Centrale, questo alimento viene consumato da più di 10.000 anni! Gli Indios coltivavano la Zucca per i semi, poiché a quei tempi questi ortaggi erano poveri di polpa. Nei secoli sono state sviluppate varietà più carnose, che Atzechi, Inca e Maya coltivavano insieme al granturco e alle fave. Cristoforo Colombo fu il primo europeo a conoscere la Zucca e i coloni impararono a coltivarla dagli indiani e la diffusero in Europa.
I principali produttori di Zucca sono Cina, Romania, Egitto, Argentina, Turchia, Italia e Giappone. In Italia viene coltivata principalmente nel mantovano e nel cremonese, ma il suo consumo si sta diffondendo in tutte le tavole italiane.
La Zucca può essere consumata al naturale o aromatizzata con spezie, sia cruda sia cotta in molteplici preparazioni culinarie. Inoltre, oltre ad essere buona, vanta molteplici proprietà benefiche per l’organismo grazie non solo al consumo della polpa, ma anche dei semi e dell’olio.

Utile per Diabete e Stipsi

Dal punto di vista nutrizionale la polpa contiene sostanze antiossidanti, caroteni e provitamina A, fosforo, ferro, magnesio, potassio, vitamina E, C e del gruppo B, il tutto apportando un numero esiguo di calorie (per le varietà più dolci dalle 18 alle 37 calorie ogni 100 g).
Oltre ad essere povera di calorie, la Zucca è molto ricca di fibre e acqua ed è pertanto molto utile in caso di Stitichezza ed Emorroidi, poiché favorisce il corretto funzionamento del transito intestinale, sia modificando la consistenza delle feci, sia riequilibrando la flora intestinale. Inoltre, le fibre e la scarsità di calorie, la rendono un ottimo aiuto in caso di sovrappeso e Diabete, poiché favorisce il senso di sazietà e rallenta i tempi di assorbimento degli zuccheri. Nella Zucca è presente un buon quantitativo di D-chiro-inositolo, una sostanza in grado di aumentare la sensibilità insulinica, ovvero di incrementare l’efficacia dell’insulina prodotta dal nostro corpo, contrastando la cosiddetta insulino-resistenza caratteristica dei diabetici di tipo 2. Inoltre, da una ricerca pubblicata sulla rivista “Chemistry and Industry” sembrerebbe che questo ortaggio sia in grado di riparare le cellule del pancreas tipicamente danneggiate nei diabetici, tanto che non si escludono in futuro nuove terapie antidiabetiche a base di estratto di Zucca.


Pagina precedente 1/3 Pagina successiva »